Home » News & Rubriche » Famiglia e Minori » LA NUOVA DEFINIZIONE DI ABBANDONO MORALE E MATERIALE NEL REATO DI INFANTICIDIO

 

a cura della Dott.ssa Laura Ori

La Corte di Cassazione con sentenza n. 26663/13 ha dato una “nuova definizione soggettiva” di abbandono morale e materiale all’interno della fattispecie del reato di infanticidio. Viene, infatti, identificato in unasituazione di grave isolamento anche esistenziale e morale.

Prosegue la Corte affermando che lo stato di abbandono morale e materiale rappresenta un requisito soggettivo della fattispecie oggettiva. La concreta situazione di abbandono anche se è un dato certo e facilmente riscontrabile in concreto non deve rivestire carattere meramente oggettivo poiché per positivizzarsi è sufficiente che la madre avverta la complessità della situazione qualificata da lei stessa come abbandono.

La Corte ritiene altresì che nella fattispecie, per configurarsi l’ipotesi di concorso morale nel reato è necessario che sussistano idonei e concreti elementi per dimostrare che l’opera del concorrente ha volontariamente inciso sulla psiche dell’autore materiale del reato.

 

Lascia un commento

Copyright © Associazione Culturale non riconosciuta

Nuove Frontiere del diritto Rivista Registrata con decreto n. 228 del 9/10/2013, presso il Tribunale di Roma,

Indirizzo

Via Guglielmo Petroni, n. 44 00139 Roma,

Rappresentante Legale Direttore Responsabile

Rappresentante Legale avv. Federica Federici P.I. 12495861002. Direttore responsabile Avv. Angela Allegria, Proprietà: Nuove Frontiere Diritto. ISSN 2240-726X