Home » News & Rubriche » Condominio » Va assolto chi esegue lavori all’interno della abitazione senza alterarne e/o aumentarne i volumi

LE MODIFICHE ALL’INTERNO DELL’IMMOBILE  CHE NON NE AUMENTANO
LA VOLUMETRIA NON NECESSITANO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE
di Samantha Mendicino
Cass. Pen. sent. n. 37713/2012

Il proprietario di un casale aveva iniziato i lavori per ricavare un bagno ed una cucina dal proprio immobile. Obiettivo ottenibile con l’esecuzione di  opere che si sarebbero esaurite all’interno dell’immobile, senza elevazione nè aumento di volumetrie nè alterazione di destinazione d’uso ecc.

Tuttavia, aveva eseguito i lavori senza aver ottenuto il permesso di costruzione e, pertanto, veniva condannato in I° e II° grado.

A questo punto, intervengono gli Ermellini a porre chiarezza, precisando che  “… ogni diversa distribuzione in vani, per numero e ampiezza, della identica superficie totale calpestabile” non può considerarsi aumento volumetrico. Pertanto,  è da escludersi che per l’effettuazioni di opere di tale guisa debba essere ottenuto il permesso di costruire.

Lascia un commento

Copyright © Associazione Culturale non riconosciuta

Nuove Frontiere del diritto Rivista Registrata con decreto n. 228 del 9/10/2013, presso il Tribunale di Roma,

Indirizzo

Via Guglielmo Petroni, n. 44 00139 Roma,

Rappresentante Legale Direttore Responsabile

Rappresentante Legale avv. Federica Federici P.I. 12495861002. Direttore responsabile Avv. Angela Allegria, Proprietà: Nuove Frontiere Diritto. ISSN 2240-726X