Home » News & Rubriche » Condominio » Basta anche la maggioranza semplice per decidere sulla destinazione del bene comune

E’ legittima la delibera assembleare con cui l’Assemblea stabilisce

di Samantha Mendicino

Cass. Civ., sez. VI, sent. n. 11177/2012

Il fatto che ha determinato la diatriba giudiziaria è il seguente: con una delibera assembleare approvata a maggioranza semplice e non all’unanimità, l’assemblea decide di modificare la destinazione d’uso di una parte condominiale.

In sintesi,  i condòmini decidono di sacrificare una parte dello spazio comune, destinata al verde, per aumentare il numero dei posti auto. Impugnata la delibera in primo e secondo grado, la questione arriva sino in Cassazione.

E gli ermellini ribadiscono la legittimità della delibera che: “… con maggioranza semplice e non all’unanimità, aveva deciso di destinare uno spazio comune a parcheggio di autovetture, così modificandone la sua destinazione a verde, avendo reputato il giudice di secondo grado che la modifica deliberata, consistente nell’aggiungere ai cinque posti auto esistenti altri due posti auto ed un terzo di dimensioni ridotte, per la sostanziale irrilevanza dell’intervento in relazione alla superficie interessata rispetto a quella condominiale, non costituisse innovazione vietata ai sensi dell’art. 1120 cod. civ….”